1

App Store Play Store Huawei Store

coldiretti stili borgo ticino 2

BORGO TICINO - 26-05-2022 -- Dieci appuntamenti nelle scuole delle province di Novara, Verbania, Vercelli e Biella in cui i temi della sostenibilità, della tutela dell’ambiente e della legalità sviluppati attraverso il cibo Made in Italy hanno fatto da filo conduttore. Questo è stato il senso del progetto previsto nell’ambito del Protocollo di Intesa "Per la promozione delle competenze connesse alla sostenibilità nell’alimentazione, per lo sviluppo dell’economia circolare, della green economy e dell’agricoltura di precisione e digitale", siglato nel 2019 con il Ministero dell’Istruzione, attraverso cui Coldiretti ha proposto agli istituti un percorso formativo denominato appunto "Lo sviluppo sostenibile e l’educazione alimentare".

L’iniziativa sul territorio promossa da Coldiretti Novara-Vco è terminata martedì 24 maggio, con l’ultimo appuntamento nella scuola primaria J&R Kennedy di Borgo Ticino. In classe, per promuovere anche tra i più piccoli corretti stili di vita ed una sana alimentazione, erano presenti le Imprenditrici di Donne Impresa e Campagna Amica, Giovanna Cesareo dell’Apicoltura Verbano di Castelletto Ticino e Tiziana Facchi dell’Azienda Agricola Facchi di Trecate. Il tema della giornata “Conosco ciò che mangio e mangio per conoscere” ha permesso, tra giochi ed attività didattiche ed informative di coinvolgere a pieno i bambini delle tre classi che al mattino hanno anche potuto scoprire il favoloso mondo delle api, scoprendo i segreti dell’apicoltura ed hanno potuto osservare l’arnia e i prodotti dell’alveare direttamente in aula. Nel pomeriggio si è invece parlato di risicoltura, dove gli alunni hanno potuto toccare con mano le varietà di riso di produzione aziendale, oltre che divertirsi “mettendo le mani in pasta” con un laboratorio tattile per capire le diverse consistenze delle farine.


“Siamo entusiasti di poter aver presentato il progetto di Coldiretti ai più piccoli. Lo sviluppo sostenibile rappresenta la più grande sfida per il futuro e si traduce certamente in un nuovo modello di consumo più consapevole e volto anche a diminuire gli sprechi. La scuola e la famiglia hanno, in questo un’importanza cruciale – sostengono il Presidente di Coldiretti Novara-Vco Sara Baudo e il Direttore Francesca Toscani – Far incontrare il mondo della scuola con quello dell’agricoltura è un primo passo importante verso un’evoluzione di pensiero che deve essere raggiunta per sostenere il nostro territorio”.
 
“Come Donne Impresa crediamo fortemente nell’educazione alimentare – evidenzia la responsabile di Novara-Vco Federica Scacchi –Il progetto è stato assolutamente positivo e ha riscosso successo tra i bambini e gli insegnanti e crediamo che possa essere l’inizio di un lungo percorso”. 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.