1

arona municipio

ARONA-15-07-2017- “Ferruccio Cairo non ci rappresenta, se non vuole dimettersi da consigliere lo faccia almeno da capogruppo.” Piero D’Ippolito, coordinatore di FI ed ispiratore della lista “Rinascita per Arona - Cairo Sindaco” chiede, con un comunicato stampa, al consigliere comunale un passo indietro: “Sin dall’inizio ci ha ignorati evitando di confrontarsi con noi, tradendo la nostra fiducia e di chi gli ha dato oltre 1000 voti facendolo eleggere. Adotta una sua linea politica personale, quindi chiediamo che, se vuol rimanere, lo faccia transitando nel gruppo misto. Chiediamo un atto di correttezza e lealtà. Il nostro operato è volto solo ad un desiderio di poter migliorare Arona.” Cairo, che non ha aderito a Fi, rimanda al mittente: “ Fecero una riunione dopo le elezioni e non chiamarono né me, né Antonio Furfaro. Nessuno dei due ha poi preso la tessera di Fi e quindi D’Ippolito, visto che io e Furfaro (altro consigliere della lista ndr) andiamo d’accordo ed abbiamo una linea comune, dovrebbe chiedere le dimissioni di entrambi. Invece chiede solo le mie, dopo aver sbandierato ai quattro venti, dopo le elezioni, che mi sarei dimesso per lasciagli il posto (D’Ippolito è il primo dei non eletti della lista ndr). Invece non me ne vado e lui dovrà attendere la prossima tornata elettorale. E’un attacco politico e non personale.” Cairo e Furfaro, eletti in minoranza, in realtà in quasi tutte le occasioni hanno votato a favore dei provvedimenti della giunta, diventando una sorta di “quinta colonna” del sindaco Gusmeroli che li ha più volte elogiati per la loro “politica costruttiva”. Alessandro Travaini, segretario del PD, ora torna a chiedere le dimissioni di Cairo dalla presidenza della Commissione di Controllo: “Non la convoca mai e si è schierato apertamente con la maggioranza in modo spudorato con Antonio Furfaro. Presentano interpellanze di poco spessore ed in rare occasioni, in commissione sono silenti. Sono chiaramente schierati e quindi il posto di garanzia spetterebbe al PD. D’Ippolito si è accorto dopo oltre due anni di questa situazione.” D’Ippolito replica: “Non si dimette? L’importante è che gli aronesi sappiano che noi con lui non vogliamo avere più niente a che fare politicamente.”(MA RO)

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.