1

ciclabile foto

ARONA- 15-01-2020 -Giovanni La Croce, commercialista con studio a Milano, cinquanta dipendenti, figlio dell’ex responsabile dell’agenzia delle entrate di Arona e candidato alle prossime amministrative, interviene sulla querelle tra pedoni e ciclisti per le piste pedonali cittadine criticando il sindaco Alberto Gusmeroli, che intende puntare sulla diffusione della conoscenza delle regole per il corretto utilizzo: “Una pista ciclabile – spiega Giovanni La Croce- si deve inserire in un progetto complessivo di viabilità, cioè deve essere integrato con altri servizi alternativi all'autovettura. Quindi non può essere un bel quadretto nel deserto. In una cittadina si devono collegare le frazioni con il centro, ed allora va certo bene la pista sul lungolago, ma così non si dà un servizio ai cittadini, che devono scendere ad Arona su strada non protetta per arrivare lì, dove poi intersecano un' utenza alternativa, ciò il pedone. Quella zona è ztl per metà dell'anno. ed è evidente che le due utenze non si conciliano. Gusmeroli dice che sono i pedoni i maleducati. Io allora aggiungo che fanno una infrazione e dovrebbero essere multati, ma il problema è come è costruita, a metà del marciapiedi, che è di dieci metri, e con la strada vicina che è pedonale metà dell'anno, è ovvio che non ci sia una intersecazione tra bici e pedoni.
Le piste cittadine integrabili turistiche sono una cosa diversa, quella si deve inserire in un progetto di zona regionale e internazionale. La pista ciclabile ha un senso turistico ma deve essere pensata per passare fuori Arona e collegarsi ad altri progetti. Abbiamo da fare pochi chilometri, una decina e da Dormelletto, Castelletto e Sesto ci immettiamo sulla ciclabile milanese e portiamo i milanesi in bicicletta ad Arona”.

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.