1

g costiera 20 due

LESA - 16-09-2020 -- La Guardia costiera

saluta il Lago Maggiore con più interventi di soccorso in meno giorni. È positivo il bilancio dell’estate 2020 del Secondo nucleo mezzi navali che, dipendente dal comando di Genova, s’è insediato il 3 luglio a Solcio di Lesa. Nell’anno del Covid-19 il calendario s’è compresso e i giorni di permanenza sul Verbano dei 21 militari (per la prima volta tra loro c’era una donna e, in più, quest’anno è stato assegnato un soccorritore marittimo specializzato) è stato inferiore di 40 giorni. Eppure le persone soccorse sono state 70, 18 in più delle 52 del 2019. Il dato è stato sottolineato nella conferenza stampa che a Lesa (poi a Laveno Mombello per la sponda lombarda del lago) ha tenuto l’ammiraglio Nicola Carlone, direttore marittimo della Liguria. Erano presente il prefetto del Vco Angelo Sidoti e i sindaci o i rappresentanti dei comuni lacustri del basso Verbano.

Sul Lago Maggiore hanno operato un gommone veloce d’altura e una motovedetta. Il bilancio dell’attività, oltre alle persone soccorse in 28 missioni, consta dell’assistenza a 22 unità navali in difficoltà e all’emissione di 34 verbali per sanzioni amministrative, perlopiù il mancato rispetto della distanza dalla riva delle imbarcazioni.


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.