1

App Store Play Store Huawei Store

meina panorama

MEINA – 18-04-2017- Non paga da due anni l’affitto, creando un mancato introito di 36.000 euro per il Comune. E dopo la chiusura del locale, il Comune fa causa per ottenere gli affitti arretrati. Succede nella frazione Ghevio di Meina dove il bar ristorante “Luna” era da tempo moroso nei confronti del Comune in tema di pigione. Così il locale dopo aver chiuso i battenti a dicembre, adesso dovrà pagare gli arretrati. L’assessore Andrea Ferrarese lo specifica; “Abbiamo, come si usa in questi casi, dato in mano il caso ad un avvocato che sta esaminando la situazione per il recupero del credito.” L’ex sindaco Paolo Cumbo, ora in minoranza, è polemico:” Non capisco perché si è atteso così tanto tempo e che si accumulasse un debito cosi’ alto per chiedere i soldi pattuiti. Questa attività era già stata morosa in precedenza, ma prima della gara aveva saldato le pendenze ed aveva partecipato all’asta, vincendola al rialzo. Poi però durante la giunta Barbieri in pratica non ha quasi mai pagato. La nostra giunta aveva fissato delle penali che la proprietà nel contratto ha sottoscritto, ma ora il Comune non vuole incassarle ritenendole vessatorie.” Infatti l’avvocato del Comune Maria Concetta Cambiasso ha chiesto all’Amministrazione comunale di defalcare le penali nel decreto ingiuntivo in cui si chiedono agli ex gestori i canoni non pagati e gli interessi maturati. L’ufficio tecnico conferma i dati. Spiega il responsabile Renato Melone:  “ Non ha pagato le ultime 24 mensilità per un valore di 36.000 euro.” E che il comune di Meina non abbia fortuna con le proprietà comunali lo rammenta Filippo Borroni, ex assessore ora in opposizione: “ Abbiamo concesso all’Universica’ il museo della Faraggiana con le sue pertinenze dopo aver sborsato oltre due milioni di euro tra lavori e restauri; abbiamo dato in comodato per 20 anni anche il lido, il Circolo è finito all’associazione Bambini Down. Ora ci ritroviamo con un bar che per due anni non ha pagato l’affitto e nessuno ha fatto nulla.” (M.R.)

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.