1

App Store Play Store Huawei Store

 infermiera nascita bambinoi ospedale

PIEMONTE- 16-01-2022-- Il Segretario Generale della Fsi-Usae, Adamo Bonazzi, nel corso dell'incontro con i quadri dell'organizzazione è intervenuto spiegando i termini della proposta che Cgil, Cisl, Uil, Fials, Nursind e Nursing Up stanno trattando in Aran per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro ed evidenziano come la stessa sia l'ennesimo raggiro nei confronti degli infermieri e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

La proposta base infatti ad oggi prevede, in sintesi, un sistema di classificazione professionale con il superamento delle attuali categorie con la creazione di 5 aree: Area degli Operatori Ausiliari (in cui affluirebbe il personale appartenente alle attuali ctg. A e B), Area degli Operatori (ctg. B livello economico BS), Area degli Assistenti (ctg. C), Area dei professionisti della salute e dei funzionari (ctg. D, comprensiva del livello economico DS) e, soprattutto, un'Area del personale di elevata Qualificazione (che sarebbe vuota nella fase iniziale).

La proposta prevedrebbe poi il raggruppamento dei profili professionali appartenenti alle 5 aree in 3 ambiti professionali: Sanitario, Socio sanitario e infine Amministrativo, tecnico e professionale. Le progressioni economiche all'interno delle aree avverrebbero attraverso una procedura selettiva con una attribuzione di differenziali economici di professionalità da intendersi come incrementi stabili, con priorità di progressione per il personale che abbia maturato: 10 anni di esperienza professionale senza aver mai conseguito progressioni economiche 25 anni di esperienza professionale e che abbia conseguito fino a due progressioni economiche.

E infine un sistema di incarichi articolati in tre tipologie: Incarichi di posizione; Incarichi di funzione organizzativa; Incarichi di funzione professionale; che sarebbero graduati in base alla complessità (complessità base, complessità media, complessità elevata).

“Come Fsi-Usae diciamo subito che prendiamo le distanze da quella proposta e che bocciamo subito un contratto in cui non c'è nient'altro che un nuovo muro per frenare l'avanzata degli infermieri e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione e un tetto per schiacciarle verso il basso” dichiara Adamo Bonazzi, Segretario Generale Fsi-Usae che continua “La nostra federazione si è espressa con chiarezza sulla questione, Noi rivendichiamo aumenti che portino la base stipendiale di queste professioni ad almeno duemila euro netti mensili e vogliamo che l'indennità di funzione e di specializzazione siano aggiuntive. Noi chiediamo l'inquadramento nella dirigenza e la libera professione senza vincoli.”

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.